Aree tematiche

Monastero di San Nicola di Casole

L'Abbazia rappresenta il momento più alto della diffusione nel Salento del monachesimo basiliano. Alcuni studiosi ritengono il Monastero dedicato a San Nicola sia stato il più ricco dell’Europa di allora (il suo massimo splendore lo raggiunse tra l’XI ed il XIII secolo) così come la sua biblioteca la più grande e fornita di testi del Mondo dell’epoca.

Origini

In questo periodo, e precisamente nel 1071, si assiste al subentro della dominazione normanna a quella bizantina nell'Italia Meridionale ed Otranto rappresenterà l'ultima roccaforte della presenza della cultura bizantina in Occidente.

Il crociato Boemondo I, principe di Taranto e Antiochia, figlio di Roberto il Guiscardo condottiero Normanno, e di sua madre Costanza, allo scopo di aggraziarsi la simpatia dei monaci greci che vivevano nel Sud Italia, in particolare di quelli salentini nonché della popolazione salentina che appoggiava la religiosità greca, fondò il Monastero di San Nicola.

Ai Normanni interessava immediatamente di precludere ogni possibilità di conquista bizantina; non volevano infatti che Bisanzio si intromettesse politicamente in Italia e perciò era necessario affermare la giurisdizione romana nei territori greci del Sud (i normanni avevano dalla loro parte Roma e collaboravano per la conquista del Sud).

Quindi essi non volevano distruggere l'arte e la spiritualità bizantina radicata nel Sud; d'altra parte Roma non mirava tanto a sopprimere la chiesa greca, quanto a far ritornare sotto la propria giurisdizione quella chiesa greca che secoli prima si era staccata da lei (secoli VII-IX).

Boemondo per la prima volta nell'XI secolo lo chiamò di Casole (precedentemente il suo nome era solo "San Nicola"), perché questo fu eretto su un cenobio preesistente costituito da capanne, nicchie, grotte, e casole appunto dove i monaci si recavano per pregare. Boemondo donò il Casale di Casole ad un gruppo di Basiliani guidati da Giuseppe, che poi fu il primo Abate del monastero. San Nicola di Casole presentava delle caratteristiche particolari che fanno risalire la restaurazione proprio a Boemondo:

1. Boemondo lo fece ricostruire (sicuramente dopo il 1000) in muratura mentre le costruzioni italo-greche erano ricavate nella roccia;

2. i monasteri costruiti dai Normanni avevano tutti un Corpus (codice) di regole canoniche che di solito erano quelle del grande Basilio (fu il più grande riformatore, divenuto poi Santo, della Chiesa Bizantina e l'espressione più alta di quella spiritualità; l'aggettivo basiliano oggi equivale anche a bizantino).

Papa Bonifacio IX, nel XIV secolo, ne ebbe una notevole considerazione; chiamò infatti diversi monaci casolani a dirigere altri monasteri sparsi per l'Italia.

Il Typikon di Casole: la sua storia

Il Codice, risalente al 1098-99, era detto Typikon e risultava composto da un insieme di norme che regolavano la vita monastica e materiale dei frati. Non possiamo dire quanto questo codice fosse di Boemondo e quanto del primo Abate Igumeno Giuseppe. Esso è contenuto in un manoscritto compreso nel Codice Torinese C111; questo codice prima si trovava nell'Università di Torino, poi è stato portato, ad opera del Consigliere della Corte d'Appello di Trani, L. De Simone, per motivi di studio alla Vaticana a Roma (1890), ma poi la Biblioteca di Torino l'ha rivendicato a sé.

Di questo Codice abbiamo due copie: un codice quasi identico detto Barberiniano greco 350 e il codice Barberiniano greco 383, custoditi nella Biblioteca Vaticana a Roma. Il codice Barberiniano 350 era posseduto inizialmente da un Arciprete di Soleto di nome Francesco Arcudi che poi lo regalò ad un Cardinale Barberini. In seguito dai Barberini fu donato alla Biblioteca Vaticana. Il Codice Barberiniano fu trascritto nel 1205 dal Typikon del 1098. Il Codice Barberiniano 383, che è la copia della copia, non è identico all'originale. Al momento della stesura del Typikon c'erano altri codici, ma di origine greca (San Basilio, San Saba, San Teodoro). Esiste un gruppo di Typikà così detto Atonito (gruppo autentico), risalente al decimo secolo. Ci sono poi dei gruppi che provengono da altri o sono loro rifacimenti. I Typikà Otrantini sono quelli che più si rifanno alle regole originali dei Typica’ Atoniti.

I principali Abati

Come detto il primo Abate fu Giuseppe Igumeno, che nel 1098-99 fondò il monastero.

Ma il più importante in assoluto, fu il settimo, il Nettario (1219-1235), chiamato così dopo essere divenuto Abate (ma egli usava firmarsi sempre con il suo vero nome Nicola di Otranto). Fu molto rigido con i monaci e di sua mano soppresse "come spregevole e contraria alla regola dei Padri" la regola che esentava dal digiuno i monaci pescatori. Il Nettario fondò la scuola poetica Otrantina.

Fu protagonista di diverse missioni diplomatiche: nel 1205 e nel 1214 per conto di Papa Innocenzo III quale interprete ai cardinali che andavano a discutere a Costantinopoli sui rapporti tra Greci e Latini; nel 1223-1224, per conto di Federico II in Oriente, e nel 1232 a Roma, dal Papa, per discutere sulla validità del battesimo delle genti battezzate con il rito greco. Nettario, gran conoscitore del greco e del latino, creò la biblioteca di Casole con le migliaia di volumi greci e latini che raccolse nei suoi viaggi in Oriente.

Il decimo Abate fu Basilio, eletto nel 1259. Il 14 novembre 1267 fu trasferito in un monastero vicino a Taranto.

La Scuola Letteraria di Casole

Il monastero di Casole è stato dal secolo XI centro propulsore di cultura e di civiltà, anticipando e poi affiancando la famosa scuola siciliana di Federico II da cui ha avuto inizio, nel ‘200, quel processo linguistico da cui sarebbe derivata la lingua italiana. Infatti, qui, tra gli scogli più ad est d'Italia, nascono alcuni tra i primi componimenti in poesia della letteratura nazionale. Nella Terra d'Otranto, nell'Età oscura, la lingua greca, quella parlata oltremare, nelle terre di Bisanzio, è la lingua con la quale si esprime la maggior parte della popolazione e con la quale si esprime pure la comunità italo-greca dei monaci basiliani che ha dato vita all'abbazia di Casole. Il Circolo Poetico di Casole, che si poneva sotto l’ala protettrice di Federico II, aveva come guida l'abate Nettario  e si proponeva di trattare sia temi religiosi sia temi profani.

Esso promosse un vero e proprio umanesimo italo-bizantino in Terra d'Otranto che determinò la sopravvivenza della lingua greca come lingua letteraria del Salento in un'età in cui invece a Palermo, alla corte del grande Federico II, l’italiano volgare prevaleva sulle lingue classiche. Nella penisola salentina, dunque, che stava con Bisanzio, aveva arte e cultura mentre il centro-nord d'Italia era attraversato dalle invasioni barbariche e segnato dalle lotte intestine tra guelfi e ghibellini e dalle conseguenze di un marcato analfabetismo.

Riportiamo di seguito un bellissimo sonetto in volgare scritto da Guglielmo d’Otranto (sec. XIII), che, collegandosi alla poesia religiosa toscana, esprime un inno alla SS. Trinità.
O salve, sancta Ostia sacrata
Immacolato sangue e carne pura
Summa creatura in Deo comunicata
De Virgo nata senza corruttura.
Oltre misura fosti tormentata
Morta lanzata misa en sepoltura
De la summa natura suscitata
Et enalzata sopra ogn’altra altura.
Tu sei quell’armatura per cui vencimo
L’antico primo perfido serpente
Percuziente spirito dannato.
Corpo sacrato en pane te vedimo
E certi simo che verasimente
Se’ Cristo onnipotente e Deo carnato.

Tra il Salento e la Grecia non ci fu rottura, ma complementarietà, unione, convergenza e ciò creò l'Umanesimo Salentino. Nel XIII sec. esisteva già in Italia una fioritura di "scuole" poetiche, di cui alcune si richiamavano alle scuole di Epiro e di Corfù; una era ad Otranto, un’altra presso Federico II in Sicilia. I poeti di queste scuole si conoscevano e si influenzavano a vicenda. Quella di Otranto è certamente la più antica e risente più delle altre dell'ambiente religioso, ecclesiastico e politico del tempo: la scuola si rivela filo-bizantina e filo-sveva (è il tempo dei principi svevi in Italia Federico I, Enrico IV, Federico II). Il circolo otrantino visse un suo Umanesimo e preluse al Rinascimento italiano. Gli scrittori del monastero di Casole formavano un gruppo compatto di amici, strettamente legati alle tradizioni storico, politiche e culturali del luogo e del tempo.

Il circolo poetico

Questo gruppo di poeti, composto da quattro elementi, utilizzava la lingua bizantina e non disdegnava il ricorso a virtuositiche ed elaborate tecniche letterarie. Enorme è la valenza della loro produzione nel contesto storico e culturale in cui operarono.

Perché poetarono in greco ma erano partecipi di un'attività che pur nelle sue diversità linguistiche, il greco ed il volgare, rappresentava un'unita' culturale appena nata e che già spiccava il volo verso lidi successivamente noti. Dei quattro poeti due sono religiosi e due laici. Tra loro non vi furono rapporti sistematici, veri e propri contatti regolari. Solo reciproco rispetto ed intesa amichevole. Anche perché li divide per alcuni una generazione.

L’opera di Nettario fu proseguita da Giovanni Grasso, protonotario e maestro imperiale. Figlio di Giovanni Grasso e' l'altro poeta, Nicola d’Otranto. Infine Giorgio di Gallipoli il rappresentante più importante della scuola poetica greca nel Salento bizantino. >> segue

Copyright © 2009 Otranto Point